venerdì 26 febbraio 2016

Recensione: "Terapia di coppia per amanti" di Diego De Silva

READING CHALLENGE
N° 5 - Un libro scritto da uno scrittore mai letto

Ebbene sì, lo ammetto. Non avevo mai letto un libro di De Silva. Faccio penitenza e mi cospargo il capo di cenere. È stata una mancanza enorme, ma dopo "Terapia di coppia per amanti", giuro che rimedierò!
 
Terapia di coppia per amanti è un romanzo a due voci, maschile e femminile, che si alternano a raccontare la loro storia mentre la vivono. Due adulti sposati (non tra loro) che si ritrovano uniti da una passione incontrollabile e da un amore coriaceo, particolarmente resistente alle intemperie. Viviana è sexy, vitale e intrigante, e ha un notevole talento per i discorsi intorcinati. È combattuta fra restare amante e alleviare così le infelicità matrimoniali o sfasciarsi la vita per investire in un’altra. Modesto è meno chic, decisamente più sboccato e sbrigativo nella formulazione dei concetti, ma abilissimo nell’autoassoluzione. Spara battute a sproposito per svicolare, e fa pure ridere. Moderatamente vigliacco, aspirerebbe alla prosecuzione a tempo indeterminato della doppia vita piuttosto che a un secondo matrimonio, visto che già il suo non è che gli piaccia granché. È nella crucialità del dilemma che Viviana trascina Modesto dall’analista, cercando una possibilità di salvezza per il loro rapporto ormai esasperato da conflitti e lacerazioni continue. Il dottore è spiazzato nel trovarsi di fronte una coppia non ufficiale, libera da vincoli matrimoniali e familiari, che non ha nulla da perdere al di là del proprio amore.


"Terapia di coppia per amanti" racconta la storia d'amore tra amanti, smontando ad uno ad uno tutti gli stereotipi che l'immaginario collettivo associa alla clandestinità. Sì perché l'amore infedele è visto come un'oasi, una terra felice, piena di passione e priva di qualsiasi forma di complicazione tipica delle relazioni ufficiali. De Silva dimostra che non è così.
La relazione tra Viviana e Modesto non è esente da problemi: liti, incomprensioni e paranoie danno vita ad una storia reale, divertente e coinvolgente.
Grazie alla narrazione in prima persona dei due protagonisti De Silva catapulta il lettore dentro la storia, rendendolo partecipe di ansie, pensieri, recriminazioni, ecc.. e delineando al tempo stesso la psicologia dei personaggi, che fin dall'inizio risultano distinguibili e reali.
Viviana e Modesto sono la personificazione del detto "Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere", due rette parallele destinate a non incontrarsi (o quanto meno a non capirsi). Rappresentano due mondi, quello maschile e quello femminile, spesso assai lontani e con gravi problemi di comunicazione.
Assolutamente brillante lo stile di De Silva nel raccontare con ironia una clandestinità dell'amore fatta di incomprensioni, dei cose non dette e strategie; perché in amore spesso si va come in guerra: con una tattica per conquistare e la determinazione a vincere.
Una donna innamorata inquisisce, e tiene all'oscuro dell'accusa.
La cosa ancora più incredibile è che, il più delle volte, noialtri imbecilli ci cadiamo in pieno, in questo tranello psicopatico. Stiamo lì a chiederle se per favore ce lo spiega, cosa abbiamo fatto. Perché è chiaro che la frustrazione di ritrovarti dalla parte del torto senza neanche sapere come ci sei finito non è umanamente sopportabile, e questo, lei che ti ci ha messo, lo sa.

 
"Terapia di coppia per amanti" è un libro divertente, ben scritto e coinvolgente. Dire solo che mi è piaciuto non basta, io l'ho adorato.
Mi sono innamorata dei personaggi, tutti, senza eccezioni.
Viviana è un una nevrotica rompiscatole che si fa mille paranoie e che ti viene voglia di strangolare, ma poi volti pagina e ti ritrovi ad immedesimarti nelle sue ansie e nei suoi timori. Modesto invece fa lo stronzo ed è un po' insensibile, ma poi alla fine ti fa tenerezza e finisce per starti pure simpatico. Per non parlare di suo padre che non sai se hai voglia di investirlo con la macchina o di conoscerlo e invitarlo a cena.
 
Ma ciò che più mi è piaciuto di questo libro è il modo in cui De Silva ha affrontato un tema delicato e non facile come quello dell'amore infedele, trovando il modo di alleggerirlo e sdrammatizzarlo, senza sminuire nessuna delle sue dinamiche.
 
Di sicuro questo è stato il mio primo libro di De Silva, ma non sarà certamente l'ultimo!
E voi lo avete letto? No? Allora correte a farlo, non ve ne pentirete!!!
 

2 commenti:

  1. la tua recensione devo dire che mi ha incuriosito parecchio x cui gli darò precedenza nella mia interminabile lista di libri da leggere e sarà il mio prossimo libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero davvero che il libro ti piaccia! Io l'ho trovato molto divertente! Se ti va poi fammi sapere cosa ne pensi!
      ;)

      Elimina