venerdì 14 ottobre 2016

Recensione: "Tutto il resto è amore" di Melanie Marchande

Mi viene da piangere. Che delusione!!
Quando ho comprato questo libro ero straconvinta. La trama è molto allettante, un mix tra chick lit ed erotico e quindi mi aspettavo una lettura leggera e diversa dal solito. Peccato che appena sono tornata a caso ho letto la recensione di Gabriella (la trovate QUI) e ho capito che invece dovevo prepararmi al peggio.
Un applauso al mio solito tempismo!!
 
Sto per lanciare un posacenere in testa al mio capo. Sì, perché ho appena scoperto chi c’è dietro i miei bollenti romanzi d’amore preferiti, quelli che leggo solo quando sono da sola, l’unica via di fuga dopo una lunga giornata alle prese con il Capo Infernale. A scriverli non è la dolce Natalie McBride, casalinga di campagna con un talento particolare per le storie piccanti. È lui. Esatto: il mio capo, Adrian Risinger, trentatré anni, sexy da impazzire, irritante miliardario e ragazzaccio che pensa di controllare la mia vita, è anche l’autore di tutte le mie fantasie più profonde e segrete. E, come se questa rivelazione non fosse già abbastanza scioccante, ora il bastardo vuole che impersoni “Natalie” in occasione di una serie di firma copie e incontri. Solo se tengo al mio posto di lavoro, ovviamente. Ora che ci penso, mi servirà qualcosa di più pesante di un posacenere.

Tutto il resto è amore è una lettura super leggera, assolutamente non impegnativa che si finisce in poche ore. La trama, ad un primo acchito frizzante, si rivela molto scontata e prevedibile, ma soprattutto non ha niente del mix che mi aspettavo. Il lato dominante dei chick lit è l'ironia, mentre gli erotici puntano sulla sensualità, quindi da un libro che sulla carta mostrava entrambi gli aspetti mi aspettavo una lettura intrigante e non scontata.
La storia inizia con la protagonista Meghan che esprime il suo odio feroce per il proprio capo, Adrian, che viene presentato come il solito stronzo ultra miliardario che tratta male tutti e a cui solo lei riesce a tener testa. Le prime pagine sono briose e frizzanti, abbastanza divertenti da promettere bene, ma la trama ben presto perde di verve e di originalità.
L'odio feroce per magia in poche pagine diventa attrazione e poi sentimento. Adrian dimostra presto di avere una natura diversa da quella prospettata all'inizio (e di cui non ha mai dato prova) e dopo alcune difficoltà la cui validità è tutta da dimostrare, la storia volge ad un finale che oltre che scontato, è poco verosimile.

Attenzione spoiler
 
L'idea alla base è carina, ma poteva essere sviluppata in modo più creativo. Il fatto che Adrian sia da tempo innamorato di Meg poteva dar luogo a situazioni divertenti e sensuali, tenendo il lettore sulle spine più a lungo e soprattutto senza cadere nei soliti cliché. Ad esempio sarebbe stato interessante giocare di più sul fatto che per una volta fosse il protagonista maschile ad essere innamorato e non corrisposto.

L'unica originalità di Tutto il resto è amore sta nell'aver scelto una donna normale con chili di più e fianchi larghi come protagonista, anche se viene rimarcato più e più volte come se nella realtà una cosa del genere fosse impossibile.
Oltre a questo i personaggi sono poco sviluppati e mostrano una maturità emotiva pari a quella di un bambino delle elementari e, come se ciò non bastasse, ci sono alcune incongruenze nei loro comportamenti, primo fra tutti Adrian che prima dichiara di essere innamorato di Meg da cinque anni e poi quando finalmente riesce ad avere un'occasione con lei si tira indietro spaventato dall'idea di avere una relazione.

È davvero un peccato che Tutto il resto è amore si sia rivelato una delusione perché le potenzialità c'erano tutte. Il libro infatti è ben scritto, tanto che le pagine sono volate via senza che me ne sia accorta, nonostante la debolezza della trama.
Due stelline solo per lo stile della della Marchande.

DELUDENTE



Titolo: Tutto il resto è amore
Autore: Melanie Marchande
Editore: Newton Compton
Pagine: 289
Prezzo: € 6,90

6 commenti:

  1. Ciao Alysia,
    hai perfettamente ragione XD, non credo che leggerò più libri di quest' autrice... Una delusione totale, anche se a volte l' ho trovata una lettura caruccia ma nulla di più o.O
    Ella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sai la delusione che mi ha dato! Ero così contenta quando l'ho comprato, non mi sarei mai aspettata un crollo così. E vabbè cose che capitano, prendiamola con filosofia!

      Elimina
  2. Lo sai già, ha profondamente deluso anche me :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sai quanto ci sono rimasta male e dire che ero così soddisfatta dell'acquisto.

      Elimina
  3. Ciao Alisya, non conosco nè il romanzo nè l'autrice, ma anche a me non piacciono i romanzi troppo scontati...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo mi ha delusa particolarmente perché dalla quarta prometteva una storia diversa e frizzante.😔

      Elimina