martedì 14 giugno 2016

Recensione: "La piccola mercante di sogni" di Maxence Fermine

READING CHALLENGE
N° 62 - Un libro per ragazzi
 
Il primo pregio di questo libro è sicuramente la cover che ha attirato la mia attenzione dal primo momento. Lo stile dell'illustrazione è semplicemente adorabile, non trovate?
 
Malo ha undici anni e due genitori ricchi e distratti, con cui vive a Parigi, noiosamente, in mezzo al benessere. Il giorno del suo compleanno la madre gli organizza una festa lussuosa e lo ficca in taxi per farcelo andare da solo ma il taxi, sul Pont Neuf, viene urtato da un bus e finisce nella Senna. Il tassista riemerge, mentre Malo viene dato per disperso. In realtà, Malo ha trovato una botola in fondo al fiume, l'ha aperta ed è entrato in un mondo parallelo, dove incontra alberi che starnutiscono, gatti che parlano, ombre che rassicurano e una venditrice di sogni (belli) in bottiglia. Sono proprio i sogni però a mettere alle strette Malo: per comprarne qualcuno, il ragazzino si ritrova vittima del ricatto di un alchimista cattivo, che lo minaccia di farlo restare per sempre nel mondo delle ombre, al suo servizio. Per fortuna, Malo saprà come cavarsela - risvegliandosi in un mondo reale in cui il sottosuolo è solo un ricordo.

"La piccola mercante di sogni" è un libro che apre le porte della fantasia, portando chi legge in un mondo bizzarro, dove niente sembra impossibile. Tutto inizia il giorno dell'undicesimo compleanno di Malo che, a seguito di un incidente, sparisce per qualche attimo. In quei pochi istanti il bambino vive un'avventura fantastica nel Regno delle Ombre, dove imparerà il valore dei sogni.
 
La favola che Maxence racconta è molto carina e originale, piena di personaggi fantastici e bizzarri (e in questo ricorda un po' la storia di Alice nel paese delle meraviglie) che sanno solleticare la fantasia anche dei lettori un po' più grandicelli.
"La piccola mercante dei sogni" è senza dubbio una lettura leggera che scivola via veloce e che sa far sorridere e conquistare non risultando mai banale o noiosa.
Solo mentre leggevo ho scoperto che in realtà questo è il primo capitolo di una trilogia ambientata nel Regno delle Ombre, dove Malo, come predetto, tornerà per tre volte.
 
“Quando si scompare per la prima volta, lo si fa in sogno. La seconda volta, non si sogna più. La terza volta, non si vive più che nei sogni delle persone che si sono conosciute.”
                               
Devo dire che sono molto curiosa di leggere il seguito, anche se non al punto di acquistare i volumi (che cercherò di recuperare in biblioteca).
Ovviamente essendo un libro per ragazzi dai 10 anni in su tutti gli elementi narrativi sono molto semplici, ma in fondo ai ragazzi poco importa della forma, l'importante è trovare una storia che sappia trasportare ed emozionare e questo libro, in cui sogni e fantasia la fanno da padroni, lo fa.
 
L'unico elemento che mi ha fatto storcere il naso è l'atteggiamento di indifferenza che i genitori hanno verso Malo. Troppo presi dal tram-tram della propria vita, trascurano un po' il figlio. Fin qui niente da ridire se non fosse che questo elemento persiste anche dopo l'incidente di Malo e i due genitori non esitano a lasciare il figlio da solo in ospedale (oltretutto nel giorno del suo compleanno). Ma probabilmente dovrei leggere gli altri libri per vedere se questa scelta di Maxence viene poi rivista in seguito. 
 
Consiglio questo libro non solo ai più giovani, ma anche a tutti coloro che cercano una storia che sappia risvegliare la capacità di stupirsi e di sognare tipica dell'infanzia.


"Tutti abbiamo il diritto di fare, un giorno, un viaggio in un paese meraviglioso"
 
CARINO, MA...
 
 
Titolo: La piccola mercante di sogni
Autore: Maxence Femine
Editore: Bompani
Pagine: 96
Costo: ebook in prestito da MLOL

5 commenti:

  1. Ma tu lo sai che ne parlavo stamattina con un'amica? Me lo hanno regalato mesi fa e ho comprato poco dopo il secondo volume, non avendo ancora il terzo non ho osato leggere la storia.. eppure la tua recensione mi ha fatto venir voglia di leggerlo *^* e nulla smetterò di aspettare l'ultimo volume e corro a leggerlo *^*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono disperata! Sulla MLOL gli altri due volumi non ci sono. Non mi rimane che sperare di trovarli in carteceo in biblioteca!
      Fammi sapere poi se ti piace. Io l'ho trovata una lettura rigenerante, di quelle che ogni tanto bisogna proprio fare! ;)

      Elimina
  2. Oddea son vecchia. Non so cosa sia Mlol o.o io di solito prendo amazon.. non riuscirei a restituire i libri della biblioteca :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La MLOL (MediaLibraryOnLine) in pratica è una biblioteca on line per prendere in prestito ebook. Ti basta andare nella biblioteca del tuo comune, farti dare i dati per accedere e poi puoi scaricare ebook, audiobook ecc comodamente da casa e una volta scaduto il prestito il file diventa non più consultabile senza che tu faccia niente. Io lo trovo un sistema molto comodo.
      Se ti va di curiosare ti lascio il link:
      http://toscana.medialibrary.it/home/home.aspx

      Elimina
  3. E' una cosa bellissima. Grazie mille per la spiegazione :) mi informero'.

    RispondiElimina