giovedì 22 settembre 2016

Recensione: "October List" di Jeffrey Deaver

M-E-R-A-V-I-G-L-I-O-S-O!
Finalmente un libro che mi ha intrigata e confusa! La cosa più bella è che mentre leggevo pensavo "Oh Dio che storia banale" poi sono arrivata alla fine e sono rimasta talmente shockata da non riuscire a parlare! Non ci avevo davvero capito niente (in senso buono però)!
 
Chiusa in una stanza, Gabriela aspetta da ore notizie della sua bambina. Finalmente, la porta di casa si apre. Ma non è la polizia, non è l'FBI: è l'uomo che ha sequestrato Sarah. E stringe in pugno una pistola... Comincia così, dalla fine, il thriller di Jeffery Deaver, che racconta a ritroso l'incubo in cui è precipitata improvvisamente la vita di Gabriela. Sua figlia Sarah di sei anni è stata rapita. E a lei hanno dato un ultimatum: se vuole rivederla viva, deve versare un riscatto di mezzo milione di dollari e recuperare un documento scottante, su cui molti vorrebbero mettere le mani, la October List. Il tutto nel giro di trenta ore. In un susseguirsi serrato di colpi di scena per le strade di Manhattan, Deaver intesse una storia adrenalinica che si dipana al contrario da una domenica sera al venerdì mattina, costruendo un inganno che si svela solo all'ultima pagina, ovvero al momento dell'imprevedibile inizio.

Ho comprato October List perché mi è stato consigliato caldamente dicendo "Vedrai che arriverai alla fine e scoprirai di non averci capito niente" ed è stato così. Per tutto il libro ho continuato a pensare che partendo dal finale era impossibile che il libro riservasse delle sorprese. Be' non sapete quanto mi sbagliavo! Ma andiamo con ordine.
 
La storia parte dal capitolo 36 alle 18:30 di Domenica con Gabriella la protagonista che, chiusa in un appartamento, aspetta notizie su sua figlia che è stata rapita da un tizio senza scrupoli che vuole mettere le mani sulla October List.
Ad un tratto la porta si apre ed entra qualcuno con la pistola in mano.
Così inizia la storia di Deaver dal finale per poi ripercorrere a ritroso i tre giorni che hanno preceduto quel momento.
 
Cos'è la October List? Perché tutti la vogliono? Come ha fatto Gabrielle, madre singole, ha finire invischiata in questa brutta storia ?
Queste sono solo alcune delle domande che catturano il lettore mano a mano che la storia va avanti (o all'indietro) fino a rivelare tutte le cause che hanno portato Gabriella in quell'appartamento aspettando notizie della piccola Sarah. Più la storia si riavvolge, più informazioni vengono a galla. L'incontro con Daniel, il ruolo della polizia, i piani di Joseph tanto che tutto sembra chiaro, al limite del banale.
 
Personalmente stavo già sbuffando quando, arrivata agli ultimi capitoli arrivano i colpi di scena, e che colpi di scena. Tutte le certezze vengono ribaltate e davanti agli occhi si srotola una nuova storia piena di inganni e macchinazioni.
Per apprezzare a pieno la genialità di questo libro e scoprire tutti i segreti dietro alla October List, si deve assolutamente arrivare alla fine e sfido chiunque a rimanere deluso dal finale!
 
Non ho mai letto niente di Deaver ma non posso che apprezzare il suo stile brillante. Costruire una storia avvincente rivelandone subito il finale sembra un'impresa impossibile, ma vi assicuro che questo libro mantiene tutte le promesse.
L'abilità di Deaver sta nel costruire una trama che è al tempo stesso semplice e complicata, ma che non si svela fino alla fine.
 
A parte un po' di difficoltà iniziale nel tener conto dell'ordine temporale inverso dove il capitolo che si sta leggendo è la causa e non la conseguenza del precedente, October List è un libro che scivola via creando un ritmo incalzante e dal finale che spiazza.
Un libro particolare scritto in modo magistrale con dei personaggi perfetti che non sono mai quello che sembrano.
 
Leggetelo, vi assicuro che non ve ne pentirete!!!
 
 
 
Titolo: October List
Autore: Jeffrey Deaver
Editore: Best Bur
Pagine: 354
Prezzo: € 10,90

Nessun commento:

Posta un commento