giovedì 29 dicembre 2016

Recensione: "Dentro Jenna" di Mary E. Pearson

In questo libro ci sono un po' inciampata. Normalmente non avrebbe mai attirato la mia attenzione, però visto che era in super offerta e me l'ha consigliato caldamente una mia amica, mi sono fidata.
Be', ho fatto decisamente bene.
 
La diciassettenne Jenna Fox, dopo più di un anno di coma, si risveglia in un corpo e in un presente che stenta a riconoscere. I genitori le raccontano che è stata vittima di un gravissimo incidente, ma sono tante le lacune sulla sua identità e molti gli interrogativi irrisolti sulla sua vita attuale.
Perché mai la sua famiglia si è trasferita di colpo in California, abbandonando tutto a Boston? Perché i genitori le proibiscono di parlare del loro improvviso trasloco?
E come mai Jenna riesce a ricordare intere pagine del Walden di Thoreau, ma ricorda a malapena stralci disordinati del suo passato?
Assetata di verità, la ragazza cerca di riappropriarsi della sua vita passata, e lentamente realizza di essere prigioniera di un terribile segreto.

Dento Jenna è un libro sorprendente e ben scritto, ma soprattutto l'ho trovato stimolante  tanto da arrivare a farmi mettere in discussioni alcune posizioni. L'intera storia infatti sembra dipanarsi intorno ad un interrogativo centrale: c'è un confine oltre il quale la medicina debba fermarsi per salvare una vita?
 
Nel mondo distopico in cui si svolge la storia, questa domanda riguarda l'uso del BioGel un sostituto sintetico usato per riparare i tessuti organici danneggiati. Già ma come decidere dove fermarsi? Qual è la soglia entro cui il gel può essere usato salvaguardando l'umanità della persona?
Mentre medicina e etica dibattono sull'individuazione di una soglia, Jenna Fox si ritrova a dover trovare da sola queste risposte. Rimasta vittima di un incidente, la ragazza è stata salvata dal padre, inventore del BioGel, grazia ad una decisione estrema che la condizionerà per sempre.
Risvegliatasi dopo un anno di coma Jenna si ritrova senza nessun ricordo e deve rimparare tutto su se stessa e la sua famiglia. Il percorso non è facile perché deve fare i conti con realtà scomode e ben presto la protagonista si rende conto di essere diversa dagli altri, ma soprattutto diversa dalla se stessa che gli altri ricordano e alla fine dovrà scegliere se tornare ad essere il miracolo dei suoi genitori, la ragazza perfetta che tutti ammiravano o la nuova se stessa determinata e un po' ribelle.  Qual'è la vera Jenna Fox?
 
Per essere un libro di fantascienza Dentro Jenna riesce a toccare temi importanti, porta chi legge a riflettere su temi che non hanno niente di fantascientifico come l'abuso della medicina e l'accanimento terapeutico. Dov'è il confine tra terapia mirata al miglioramento della qualità della vita e quella fine a se stessa?
Attraverso Jenna viviamo lo scontro tra le due fazioni e cerchiamo di trovare un confine, una posizione intermedia che integri al meglio etica e progresso scientifico. Per la protagonista trovare questo punto non è facile, perché prima dovrà imparare ad accettarsi, decidere se addio alla vita di prima e imparare a capire chi è e cosa vuole. 
 
Dentro Jenna è esattamente ciò che dice il titolo,  un viaggio all'interno della protagonista il cui punto di vista guida la narrazione. Il linguaggio, volutamente meccanico e ripetitivo all'inizio, si fa più "umano" mano a mano che Jenna scava dentro di sé e contribuisce a definire il ritmo della narrazione insieme ai continui confronti tra un passato ed un presente divisi dallo spartiacque dell'incidente.
 
I personaggi sono tutti molto interessanti. Ovviamente è Jenna a catalizzare l'attenzione, è lei a suscitare tutti i dubbi e le domande che la storia solleva nel lettore, ma allo stesso modo anche il mondo che le sta intorno è ben definito e serve ad alleggerire la storia riportandola all'interno del genere fantascientifico. Particolarmente ben riuscite sono le dinamiche tra i membri della famiglia Fox che creano un contesto più ricco di quanto mi sarei aspettata.
Un po' in disparte rimangono i ragazzi che Jenna conosce a scuola ed in particolar modo Dane, un personaggio molto interessante anche se poco curato (ammetto che per dargli il giusto spazio però probabilmente ci sarebbe voluto un libro a se stante).
 
Dentro Jenna è stata una bella sorpresa. Non sono una lettura interessante, piena di stimoli e spunti di riflessione, ma anche vivace e capace di rendere impossibile interrompere la lettura (e si, parlo per esperienza diretta). ^_^
Consigliatissimo a tutti, amanti del genere e non!
 
 
 
Titolo: Dentro Jenna
Autore: Mary E. Pearson
Editore: Giunti Y
Pagine: 349 
Prezzo: € 6,90

2 commenti:

  1. Letto anni fa, mi era piaciuto un sacco, ma ancor di più avevo apprezzato il seguito! Peccato che poi abbiano interrotto la serie :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male! Temevo che il seguito non fosse all'altezza, ma se mi dici che ti è piaciuto mi fido! :)

      Elimina