lunedì 11 aprile 2016

Le ricette del lunedì: Pan di Spagna

Il primo amore non si scorda mai ed infatti ecco che ritorno al dolce la mia prima e autentica passione!
In realtà la ricetta che vi propongo oggi non è un vero e proprio Pan di Spagna, ma piuttosto una base per torte (che però come titolo non faceva molta figura)!
In genere quando devo fare una torta farcita, se non uso la millefoglie, ricorro a questa base  soffice e leggerissima, ottima anche da sola. Rispetto al classico Pan di Spagna è meno spugnosa e non ha bisogno di essere bagnata, basta avere l'accortezza di farcirla qualche ora prima di servirla (es la mattina la per la sera). Io la adoro e direi che anche alla mia famiglia non dispiace visto che l'ho sfornata venerdì sera alle 23 e non è arrivata a questa mattina.
Il procedimento è abbastanza semplice, ma vediamo cosa serve!
 
Ingredienti:
 
3 uova
150 gr fecola o maizena
150 gr farina
160 gr zucchero
1 bicchiere di olio di semi
1 bustina di lievito per dolci
un pizzico di sale
 
Facoltativo: il succo di un limone
100 gr yogurt bianco
 
 
 
Per prima cosa bisogna dividere il bianco dell'uovo dal tuorlo e, aggiunto un pizzico di sale, montarli a neve fermissima (deve ricordare la panna montata). Dopo di che lo mettiamo da parte in frigo.
Accendere il forno a 180°.
In un'altra ciotola unire ai tuorli lo zucchero e sbattere con lo sbattiuova fino a ottenere una consistenza cremosa (più o meno ci vogliono 5 minuti).
Unire il succo di limone e mescolare bene per far amalgamare. Setacciare farina e fecola e aggiungerle al composto un po' alla volta, miscelando con lo sbattiuova. Quando la consistenza si fa troppo compatta (l'impasto inizia a sbriciolarsi) unire l'olio, mescolare e poi aggiungere mano a mano l'altra farina/fecole.
Aggiungere lo yogurt, mescolare ed infine aggiungere il lievito.
A questo punto il composto avrà la consistenza di una crema compatta (ma non solida). Non rimane quindi che tirare fuori dal frigo i bianchi montati a neve ed unirli al resto, mescolando rigorosamente con una spatola dal basso verso l'alto. (Il movimento è fondamentale per evitare che i bianchi si smontino).
Una volta uniti l'impasto sembrerà più voluminoso, gonfio e spumoso.
Metterlo in una teglia imburrata o foderata con carta da forno (io ho usato una apribile dal diametro di 26 cm) e lasciarlo cuocere per 30-35 minuti a 180°.
 
Importantissimo: una volta che il tempo di cottura è terminato e la torta avrà assunto un bel colore dorato, non aprite subito il forno, ma lasciate riposare per 5-10 minuti.
Alla fine tirate fuori, controllate la cottura con lo stecchino e lasciate raffreddare.
 
Come vi ho detto questa torta è buonissima farcita, ma ottima anche da sola per una colazione leggera o una merenda sfiziosa.
A me piace abbinarci una crema alla fragola o agli agrumi che da quel contrasto dolce-aspro che adoro. Ma potete usare qualsiasi tipo di crema.
Per quanto riguarda gli ingredienti facoltativi potete tranquillamente ometterli e otterrete ugualmente un dolce soffice. In realtà, se proprio devo essere sincera, la ricetta originale non li prevedeva, ma venerdì sera, seguendo l'ispirazione del momento, ho provato e il risultato è stato a dir poco sensazionale.

Come al solito vi invito a provare e a farmi sapere se vi è piaciuta!!

Nessun commento:

Posta un commento